Interventi

Che cos'è la consulenza psicologica?

La consulenza psicologica è un modo per chiedere aiuto in momenti di difficoltà personale. Il disagio psicologico può avere forme ed entità diverse, traducendosi in periodi momentanei di malessere o in situazioni più complesse e durature. Quando un disturbo o un problema interferisce con il normale svolgimento delle attività della vita quotidiana (nelle relazioni, in famiglia, sul lavoro o negli studi), la persona in difficoltà può rivolgersi a uno psicologo professionista.

La consulenza psicologica è orientata alla comprensione e alla definizione del problema e alla ricerca di eventuali strategie di trattamento adeguate.

La prima consulenza psicologica consiste in un numero limitato di incontri (dai 2 ai 4) e serve ad inquadrare la problematica portata e capire come stare meglio. Una volta descritti i sintomi del disagio e ricostruita la storia personale dell’individuo, psicologo e paziente definiscono insieme degli obiettivi concreti e, per quanto possibile, cercano i definire i limiti di tempo entro cui raggiungerli.
Le situazioni problematiche più comuni che spingono una persona a richiedere una consulenza psicologica sono:

  • stati di ansia;
  • difficoltà relazionali e interpersonali;
  • difficoltà nella comunicazione delle proprie idee ed emozioni;
  • momenti critici come gravidanza, malattie, pensionamento, lutto;
  • crisi o separazione di coppia;
  • difficoltà di comunicazione e relazione con i figli.

Al termine di questi incontri, volti a comprendere la richiesta del paziente, le sue necessità, le sue difficoltà ed il suo disagio verrà indicato il progetto di intervento più idoneo.

Che cos'è il Sostegno Psicologico

Il Sostegno Psicologico è una attività che lo Psicologo utilizza per supportare la persona e alleviare i suoi disagi di natura psicologica.

Lo Psicologo ascolta e risponde empaticamente, agevolando il riconoscimento dei meccanismi di funzionamento in modo da poter agevolare nell'individuo riorganizzazione mentale ed individuazione di risorse e strategie personali adeguate.

Il Sostegno Psicologico ha tra i suoi fattori basali il cosidetto concetto di Coping (dall'inglese "to cope", ovvero "far fronte", "affrontare"), ovvero la capacità insita in ognuno di noi ed utile per fronteggiare gradualmente e positivamente uno o più disagi interni.

Qualsiasi persona ha dentro di sè delle risorse, ma per diversi motivi non riesce a rintracciarle e/o ad utilizzarle in maggior modo e/o al meglio.

Attraverso il Sostegno Psicologico si cerca di facilitare la ricerca e le riattivazioni di atteggiamenti di coping sempre più propositivi al proprio benessere psico-fisico.

Gli incontri offrono, quindi, un’occasione per iniziare a prendersi cura di sè, per sciogliere i nodi che imbrigliano le proprie potenzialità ed il proprio benessere per favorire il recupero delle risorse personali. L’intervento mira a promuovere lo sviluppo, l’autonomia e la valorizzazione delle risorse personali, facilitare le capacità decisionali della persona per sviluppare una maggiore consapevolezza del proprio modo di affrontare problematiche di carattere professionale e/o personale.

Cos'è la psicoterapia?

La psicoterapia è una forma di terapia basata sulla parola. Costituisce un processo di conoscenza, finalizzata al cambiamento, cioè ad una riorganizzazione personale più adattiva e più funzionale per la persona. Ciò che importa non è convincere il soggetto di qualcosa, ma creare le condizioni affinché acquisisca maggiore consapevolezza dei propri processi emotivi. Occorre quindi che si costruisca una conoscenza del proprio funzionamento mentale, affinché possa gestire e regolare attivamente le proprie emozioni.
Il terapeuta ha il compito di fornire alla persona una base sicura, da cui possa partire per esplorare se stesso e le sue relazioni con cui ha costruito o potrebbe costruire un legame affettivo. Quindi pur rispettando il più possibile l'identità della persona, il terapeuta deve stimolarne l'esplorazione e assistere la persona mentre giunge a conclusioni e decisioni proprie.

Lo scopo della psicoterapia, in ogni caso, è aiutare il paziente a costruire un'immagine diversa e più ricca di sé.

Psicoterapia individuale: pone al centro del suo interesse l'individuo e le sue relazioni.
Il malessere psicologico di un individuo può manifestarsi in modo generalizzato ma, di solito, si manifesta con diversa intensità nei diversi contesti relazionali. A volte si avvertono problemi ricorrenti sul lavoro, o in famiglia o nelle relazioni di coppia o nell'ambito della sessualità; questi mettono l'individuo in una condizione critica, ripetitiva e di sofferenza. L'approccio cognitivista post-razionalista consente di riferire il sintomo all'individuo che lo manifesta, collocarlo nella sua vita e attribuendogli il significato personale all'interno della sua storia.

Psicoterapia di coppia: la psicoterapia di coppia è una forma di psicoterapia che pone l'attenzione sulla relazione e sul modo di comunicare di entrambi i componenti della coppia. I colloqui si svolgono con entrambi i partner. L'obiettivo della terapia di coppia è quello di individuare una nuova chiave di lettura dei comportamenti propri e del partner, partendo dalla ricostruzione della storia della coppia, per poi arrivare a capire quali sono stati gli elementi che hanno creato instabilità, conflitto e sofferenza. Vengono approfondite poi tutte le tematiche presentate, esplorando le modalità alternative che possano essere più adattive in funzione di un equilibrio e serenità di coppia.